Home
Home
Tutorials
   PHP
   Java
   Tutti...
Manuali
SmartImage
Marketing
Downloads
Contatti
Affiliati

  Da vedere
Hosting
Statistiche per siti
Corsi per webmaster
Hardware
Processori


  OnFocus
Creare date casuali con MySql

Inviare email con PHP: parte 2

PHP 5 ad oggetti: passaggio per valore e riferimento

  Siti Amici
Miki News
Giochi gratis
Areagratis
Baratto Online
AI Machines
Guide e Manuali Gratis
FindIT
Oceano Webmaster
Suonerie
Sms Game
Sniper Wolf 's blog
Antivirus
Add to Technorati Favorites

Tutti i siti amici
Diventa Affiliato

 


Autore: Claudio Venturini
Categoria: html
Livello: base Livello base

Utilizzare i meta tag HTML

Meta tag: inserire le informazioni per i motori di ricerca

Le informazioni racchiuse nel web sono sterminate; la reperibilità delle informazioni contenute nelle pagine del proprio sito diventa quindi una componente fondamentale del successo di un sito web. La reperibilità del proprio sito web è determinata in larga parte dalla posizione del sito stesso nei motori di ricerca. Quando gli spider dei motori di ricerca navigano il web per indicizzare le pagine disponibili in rete analizzano le varie pagine dall'intestazione ai contenuti interni. Gli strumenti a disposizione del webmaster per migliorare il posizionamento di un sito nei motori di ricerca sono molteplici, a partire dalle tecniche di elaborazione dei contenuti a quelle di costruzione e organizzazione della struttura stessa del sito. Uno dei sistemi più rilevanti è sicuramente il corretto uso dei meta tags. Per inciso, occorre però affermare che ormai i meta tag a cui faremo riferimento stanno divenendo un sistema obsoleto e hanno perso quasi del tutto la loro efficacia, in quanto i motori di ricerca moderni, a partire dal colosso Google, si basano su moltissimi altri parametri per stabilire il posizionamento di un sito, come ad esempio la popolarità, l'intero contenuto testuale, i links.

I meta tags dedicati ai motori di ricerca sono essezialmente tre e vanno inseriti tra i tag <head></head> della pagina web:

  • Description
  • Keywords
  • Robots

Il meta tag "description"
Il meta tag "description", come dice il nome stesso, è stato progettato per contenere una descrizione del contenuto della pagina.
La descrizione di norma non deve superare le due righe (150 caratteri circa) e deve essere attentamente studiata. Spesso tale descrizione viene presentata dai motori di ricerca agli utenti come descrizione della pagina web. Bisogna comunque sempre tenere presente che la frase principale della pagina web non deve essere quella nel meta tag "description" ma quella del titolo della pagina tra i tag <title>...</title>.

In generale il meta tag "description" deve contenere un sunto degli argomenti trattati nella pagina, di cosa si parla, a chi si rivolge, ecc... E' poi buona cosa enfatizzare quegli argomenti che si ritiene siano argomenti chiave per attirare il lettore. Nello scrivere il tag "description" bisogna sempre ricordare di non cadere nella banalità, bisogna fornire il massimo numero di informazioni nel minor spazio.
E' necessario evitare assolutamente di scrivere una semplice lista di parole chiave, in quanto l'utente si aspetta un linguaggio discorsivo e scritto da un umano, piuttosto che da un automa. Inoltre ci sono altri modi creati apposta per le parole chiavi.
E' però necessario anche evitare gli slogan. La descrizione del sito non deve assolutamente essere una sorta di frase pubblicitaria, in quanto queste frasi fanno cadere il sito nella banalità e sicuramente l'utente giudicherebbe la pagina web poco professionale.

Non dimentichiamo che i motori di ricerca moderni non si basano solo sul tag "description" per il posizionamento della pagina web. Quindi è controproducente "barare" inserendo descrizioni non corrispondenti in tutto e per tutto ai contenuti, in quanto i moderni algoritmi riescono facilmente a rilevare queste discrepanze e non esitano a penalizzare la pagina web.

Il formato del meta tag "description" è il seguente:

<META name="description" content="descrizione della pagina">

Facciamo alcuni esempi di tag "description". Immaginiamo di dover creare tale tag per una pagina web di una agenzia di viaggi. Un esempio errato è sicuramente una descrizione del tipo "viaggi e tours in treno, pullman, aereo a milano, roma, torino, venezia in hotel". Questo è un esempio errato poichè è un semplice elenco di parole chiave, che benchè riflettano i contenuti, non sono ciò che l'utente si aspetta dalla pagina web. Un altro esempio errato è "Entra subito! Le offerte di viaggio più economiche sono qui! Scegli la destinazione e il mezzo, prezzi sbalorditivi!". Questo esempio è chiaramente uno slogan pubblicitario con effetto controproducente: non descrive la pagina web, non offre all'utente ciò che si aspetta e appare poco professionale. Una buona descrizione è invece "L'agenzia organizza viaggi e tours in Italia e in Europa in aereo, treno o pullman per giovani con sistemazione in hotel, motel, ostelli e bungalov".

Il meta tag "keywords"
Nel meta tag "keywords" possiamo inserire una lista di parole chiave che identificano il contenuto della pagina web. Determinarle non è cosa semplice. Il consiglio è quello di provare a immaginare ciò che un utente potrebbe cercare in un motore di ricerca se cerca proprio ciò di cui la pagina web parla, o contenuti simili.
Bisogna poi ricordare che spesso chi cerca in un motore di ricerca non specifica bene la ricerca. Ad esempio per cercare un'agenzia di viaggi che organizzi viaggi in aereo potrebbe scrivere semplicemente "aereo". Ovviamente la ricerca è troppo vasta, il motore di ricerca non sa ad esempio se l'utente stia cercando l'orario di un volo, piuttosto che delle informazioni tecniche su un veivolo o su un aeroporto, piuttosto che delle notizie sulle ultime quotazioni in borsa delle compagnie aeree.
E' buona cosa quindi utilizzare anche gruppi di due, massimo tre parole, per circostanziare meglio un termine. Ad esempio nel sito propria agenzia di viaggi si potrebbe inserire come parola chiave "viaggi aereo" invece di "aereo". In tal modo un motore di ricerca riesce meglio a districarsi tra i risultati.
E' inoltre consigliabile sprecare qualche parola chiave per definire l'ambito geografico a cui il sito si riferisce. Pensate ad un sito di una agenzia attiva solo nel Nord Italia. In questo caso sarebbe utile inserire una chiave "nord italia".

Proviamo quindi a stilare un elenco di keywords nel caso dell'agenzia di viaggi: potremmo inserire "viaggi, tour, visite guidate, hotel, alberghi, ostelli, bungalov, italia, europa, milano, roma, torino, venezia, firenze". Come gruppi di parole potremo invece inserire "viaggi organizzati, viaggi per studenti, viaggi aereo, viaggi, pullman, viaggi treno". Come si può notare le varie keywords vanno separate da virgole.

Il formato del meta tag "keywords" è:

<META name="keywords" content="lista di keywords">

Per quanto riguarda la quantità di keywords di regola non bisogna inserirne più di 25-30, ma in media bisogna rimanere su 15 keywords. E' importante che tutte le keywords usate siano presenti nei contenuti testuali della pagina web stessa, in quanto altrimenti i moderni algoritmi dei motori di ricerca potrebbero penalizzare la pagina web, anche se di solito adottano un certo livello di tolleranza per le keywords in eccesso.

Il meta tag "robots"
Il meta tag robots fornisce agli spider dei motori di ricerca le informazioni sul comportamento che devono tenere nel leggere la pagina. In particolare si può indicare allo spider di indicizzare o meno la pagina e di seguire o meno i link al suo interno.
Molto semplicemente si usa "index" per permettere l'indicizzazione della pagina, "noindex" per impedirla. Si usa poi "follow" per permettere allo spider di seguire tutti i link nella pagina web, "nofollow" per impedire ciò. L'uso è semplice e si aggiunge alle informazioni contenute nel file robots.txt, che in questo tutorial però non analizziamo:

<META name="robots" content="index,follow">

Con il codice precedente si permette allo spider di indicizzare la pagina e seguire i link al suo interno. Sono possibili tutte le combinazioni di "index"/"noindex" e "follow"/"nofollow". Si possono usare anche "all", che è sinonimo di "index"/"follow", e "none", che è sinonimo di "noindex"/"nofollow".

Contatore di visite senza database Precedente Indice Successivo Effettuare un redirect
Contatore di visite senza database Effettuare un redirect